DICHIARAZIONE IMU 2022 - Città di Darfo Boario Terme

Notizie - Città di Darfo Boario Terme

DICHIARAZIONE IMU 2022

 
DICHIARAZIONE IMU 2022

Si informano i contribuenti che per effetto del decreto Semplificazioni, per presentare la dichiarazione IMU relativa all’anno 2021, con modalità cartacea o telematica, c’è tempo fino al 31 dicembre 2022.

Nel nuovo modello di dichiarazione appena approvato trovano spazio le indicazioni legate a recenti interventi normativi ed in particolare:

l'esenzione dell'immobile adibito ad abitazione principale dei coniugi, in base a quanto stabilito dall'articolo 1, comma 741, lett. b), della legge 160/2019, disposizione modificata dall'articolo 5-decies del dl Fisco-Lavoro (146/2021), nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in due immobili situati nello stesso comune o in comuni diversi, le agevolazioni per l'abitazione principale si applicano a un solo immobile.

Immobili, da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria. Come chiarito più volte dalla Cassazione, soggetto tenuto all'adempimento dichiarativo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto, a prescindere della materiale riconsegna del bene immobile al locatore, che non ha alcuna rilevanza per la soggettività passiva al tributo.

Il nuovo modello, inoltre, tiene conto delle agevolazioni di cui hanno fruito alcune categorie di attività durante la pandemia. La dichiarazione, infatti, deve essere presentata nel caso in cui il contribuente abbia goduto di benefici fiscali, «derivanti dal quadro temporaneo aiuti di Stato che hanno interessato l'Imu durante il periodo dell'emergenza epidemiologica da Covid-19». Vale a dire quelli che risultano dai provvedimenti normativi espressamente elencati nelle istruzioni, emanati prima della data dell'approvazione e pubblicazione del modello. Si tratta dei contribuenti esentati nel 2021, in tutto o in parte, dal versamento a causa dell'emergenza sanitaria. Questi soggetti devono adempiere all'obbligo, poiché l'ente impositore non è a conoscenza delle informazioni utili per verificare il pagamento di quanto dovuto.

Si ricorda che, a parte i casi sopra citati, i contribuenti sono obbligati a presentare la dichiarazione dal momento in cui il possesso dell'immobile ha avuto inizio o sono intervenute variazioni per il calcolo dell'imposta.

Altri benefici fiscali:

Il comma 769 dispone, inoltre, che per l'applicazione dei benefici fiscali riguardanti:

  • gli alloggi sociali
  • l'assimilazione all'abitazione principale degli immobili posseduti dai soggetti appartenenti alle Forze di polizia, ai Vigili del fuoco e via dicendo
  • i cosiddetti beni merce
  • i fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati
  • gli immobili di interesse storico o artistico.

i contribuenti sono tenuti ad attestare nel modello di dichiarazione il possesso dei requisiti.

Altri obblighi di denuncia:

L'obbligo, inoltre, è imposto quando:

  • l'immobile ha formato oggetto di locazione finanziaria o di un atto di concessione amministrativa su aree demaniali;
  • l'immobile viene concesso in locazione finanziaria,
  • un terreno agricolo diventa area edificabile o, viceversa,
  • l'area diviene edificabile in seguito alla demolizione di un fabbricato.

Va dichiarato qualsiasi atto costitutivo, modificativo o traslativo del diritto che abbia avuto a oggetto un'area fabbricabile.

Il valore dell'area, che è quello di mercato, deve sempre essere dichiarato dal contribuente, poiché questa informazione non è presente nella banca dati catastale. L'obbligo non sussiste quando viene alienata un'area fabbricabile, se non ha subito modifiche il suo valore di mercato rispetto a quello dichiarato in precedenza.

L'adempimento è richiesto per gli immobili posseduti dalle imprese e distintamente contabilizzati, classificabili nel gruppo catastale D, che sono tenute a dichiarare il valore del bene sulla base delle scritture contabili, sia in aumento che in diminuzione, fino all'anno di attribuzione della rendita catastale.

È stato posto in rilievo nelle istruzioni che la dichiarazione non deve essere presentata se le informazioni sugli immobili sono acquisibili dalla banca dati catastale oppure quando le amministrazioni locali sono già in possesso dei relativi dati.

Si provvederà alla pubblicazione del modulo di dichiarazione e delle relative istruzioni non appena verranno resi disponibili da parte del MEF/Agenzia delle Entrate.

ISTRUZIONI

MODELLO