archivio notizie - Città di Darfo Boario Terme

archivio notizie - Città di Darfo Boario Terme

PROROGA DEL PERIODO DI ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TERMICI

 
PROROGA DEL PERIODO DI ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TERMICI

IL  SINDACO

Visto il D.P.R. 16/4/2013, n. 74 “Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell’articolo 4, comma 1, lettere a) e c) del decreto legislativo 19/8/2005 n. 192”

Rilevato che l’esercizio degli impianti termici per la climatizzazione invernale è consentito nel periodo e con la durata giornaliera di attivazione indicati all’art. 4, comma 2, secondo le zone di appartenenza (Darfo Boario Terme – zona E);

Precisato che le limitazioni di cui all’art. 4 del Decreto relativamente al periodo annuale e alla durata giornaliera di attivazione o alla sola durata giornaliera di attivazione non si applicano agli edifici indicati al comma 5 (ospedali, cliniche, case di cura, scuole materne ed asili nido, piscine, saune …..) e al comma 6 (edifici adibiti a uffici, attività commerciali ed assimilabili per le parti adibite a servizi senza interruzione delle attività, impianti termici che utilizzano calore proveniente da centrali di cogenerazione con produzione combinata di elettricità e calore…);

Atteso che le attuali condizioni climatiche e le previsioni nel breve periodo evidenziano il perdurare di temperature al di sotto dei valori medi stagionali, onde per cui si ravvisa necessaria l’accensione degli impianti di riscaldamento in alcuni momenti della giornata, in particolare nelle ore mattutine e serali;

Visto l’art. 5 del D.P.R. 16/4/2013, n. 74: Facoltà delle Amministrazioni comunali in merito ai limiti di esercizio degli impianti termici”;

In deroga alle disposizioni dell’articolo 4;

PROROGA DAL 16 AL 26 APRILE 2019

il periodo di esercizio degli impianti termici nel territorio comunale e fissa il limite massimo di funzionamento in sette ore giornaliere, eventualmente frazionate in più sezioni.